Meeting Register Page

La consunzione delle parole – Coaching e pensiero linguistico
Il coaching è in massima parte una pratica linguistica. Attraverso domande e risposte il pensiero percorre strade a volte conosciute e a volte mai percorse.
Questo avviene sia al coach sia al coachee. Ma i confini del pensiero e dell’immaginazione sono i confini del linguaggio e secondo la tirannia della denominazione: se non si può definire con le parole il concetto rimane astratto, esangue, inutile. Questo vale per le infinite variazioni semantiche di una stessa emozione o per i diversi modi di focalizzare un’azione da compiere: la corretta verbalizzazione è chiarezza di lettura e indicazione chirurgica di movimento.
A volte una definizione puntuale è di per se stessa un insight.
Sempre più spesso il linguaggio viene attaccato dalla pigrizia delle semplificazioni e la ricchezza diversificativa si trova impoverita e rappresentata da parole, che possono indicare un concetto e il suo contrario. Nel coaching questo è deleterio poiché il modo di porre una domanda e di tradurre una risposta è lo strumento principe di questa pratica di aiuto.
Questo webinar pone alune riflessioni, analizza ed espone le basi del pensiero logico linguistico e suggerisce molte "buone pratiche".
Loading
* Required information